Road Cyclist Magazine

L'editore Russel Jones della rivista New Zealand Road Cyclist ha fatto una riflessione personale sulla FOCUS IZALCO Disc. Il risultato? Un piccolo poema d'amore … Di seguito le parole precise:

"Per parlare dei freni a disco si deve parlare del nostro sistema R.A.T.: è il sistema a perno passante più rapido e semplice che abbia mai usato finora e il più simile al QR tradizionale. L'aspetto più importante è che non sono riuscito a rilevare assottigliamento o sfregamento del rotore dopo innumerevoli riposizionamenti delle ruote; credetemi, ho cercato di trovare un punto debole ma niente!"

"Lo ammetto, è davvero difficile criticare la guida di questa bicicletta, diversamente dalla versione con freno a pinza. Stranamente, è tuttavia molto difficile identificare gli aspetti positivi; è semplicemente perfetta così com'è, qualcosa di molto basilare. È una bicicletta da strada discreta e semplice senza fronzoli particolari, solo qualche modifica qua e là per renderla perfetta, il tutto supportato dalla geometria Focus testata in gara.

In realtà, tutto dipende dal modello che si sceglie. Ho sentito che questa attuale tendenza del disco è un'analogia della fase in cui la fotografia è passata dalla pellicola al digitale. Fra dieci anni vedremo i puristi rimanere fedeli ai freni a pinza o siamo davvero alle porte di una rivoluzione?

Dall'altro lato (e ciò rappresenta un vantaggio enorme per coloro che hanno sempre rifiutato cerchioni in carbonio a causa delle scarse prestazioni sotto la pioggia), applicando un set di cerchi in carbonio su questa versione si ottiene una bicicletta leggera."

A parte tutto ciò, forse il vero punto di forza di questa Izalco Max è il fatto che ho percorso tantissimi chilometri, solo perché ne avevo voglia, ne sentivo il bisogno. Questa bicicletta, così come la sua controparte a pinza, fa semplicemente venir voglia di trovare una scusa per uscire, correre freneticamente fra le colline, sfrecciare in pianura e superare i propri limiti in ogni discesa. Vi fa sentire come una vera bicicletta da strada dovrebbe farvi sentire. E non voglio mai più restituirla – di nuovo.

Leggete il report completo in NZRC maggio/giugno edizione n. 34

Image
Share on social media