Tra fuoco e ghiaccio. La Ride Beyond Crew in Islanda
Tra fuoco e ghiaccio. La Ride Beyond Crew in Islanda

Testo di Jasmijn van der Zwaan - Foto di Mike Vlietstra


C'è questo famoso detto islandese che quando ti perdi in Islanda, devi solo alzarti e troverai la strada. Quando ci siamo preparati per la nostra grande avventura sulle montagne islandesi e ne abbiamo sentito parlare, ne abbiamo riso, ma ci siamo anche chiesti: tutti gli alberi sono davvero così piccoli laggiù? Come sarà lo scenario? E anche: quanto può essere difficile questa avventura? Ne sapevamo davvero poco allora...

 
 

Viaggiare da Akureyri nel nord dell'Islanda a Reykjavik nel sud-ovest in 5 giorni

Abbiamo davvero iniziato la nostra avventura nella pittoresca cittadina di Akureyri. Il programma? Viaggiare da Akureyri nel nord dell'Islanda a Reykjavik nel sud-ovest in 5 giorni. Un percorso di circa 600 km tra due grandi ghiacciai e su strade quasi esclusivamente rocciose e sterrate. Con il famoso detto islandese ancora nella nostra mente, abbiamo creato una piccola sfida per noi stessi che è iniziata nel momento in cui abbiamo lasciato il "mondo abitato". Vince chi trova il primo albero!

 
Nell'entroterra islandese
 

Dopo una notte di sonno ad Akureyri, eravamo pronti per il decollo! Vabbè, quasi pronti. La bici di Roel ha avuto un piccolo problema e abbiamo pensato che fosse meglio ripararla prima di lasciare la civiltà. Con l'aiuto del nostro amico islandese Briet (sei il migliore!!) abbiamo trovato un negozio di biciclette che ha risolto il problema e ora eravamo davvero pronti per iniziare! I primi chilometri sono stati su asfalto, ma il divertimento gravel è iniziato abbastanza velocemente! Oh mio... le strade e i panorami erano incredibili! Strade infinite e panorami che cambiavano ogni pochi chilometri.

All'inizio, le strade sterrate erano grandi e scorrevano bene, ma dopo aver fatto una piccola sosta a una grande cascata, siamo entrati nell'entroterra e le strade sono diventate più piccole, più sabbiose e il nostro ritmo stava scendendo. E poi, di punto in bianco, il nostro percorso ci ha portati in campi di lava... un posto così strano e surreale in cui pedalare. Dopo circa 130 chilometri, abbiamo trovato un cosiddetto rifugio di emergenza: il rifugio Botni, e abbiamo deciso di fermarci li per la giornata. Abbiamo filtrato l'acqua da un laghetto molto piccolo, l'abbiamo fatta bollire e abbiamo preparato la cena (pasta alla bolognese, gnam!!). Siamo stati coccolati da un tramonto bellissimo ed era ora di saltare... nei nostri sacchi a pelo.

 

Cosa ti renderebbe più felice?

 

La maggior parte di noi (non io!) ha dormito abbastanza bene nel rifugio Botni ed eravamo pronti per il secondo giorno. Il meteo di questo giorno sarebbe stato molto diverso dal primo giorno: sembrava cupo, grigio e piovoso. Ma hey! Eravamo in un posto così bello, quindi eravamo totalmente pronti per questo. Sapevamo che i primi km sarebbero stati ancora nei campi di lava, ma non sapevamo esattamente quanti. Nella prima ora siamo riusciti a percorrere solo (più come una passeggiata) circa due chilometri e ci siamo resi conto che sarebbe stata una lunga, lunga giornata. Sembrava che i campi di lava fossero infiniti e tutto ciò che vedevamo era sabbia lavica grigia e nera. Dopo poche ore (e pochissimi chilometri), abbiamo trovato un altro rifugio di emergenza e abbiamo deciso di pranzare lì e di scaldarci un po'. Stare fuori sotto la pioggia ci ha raffreddati.

Dopo pranzo, in realtà non volevamo lasciare il rifugio caldo e accogliente, ma dovevamo. A questo punto, Martijn mi ha chiesto: cosa ti renderebbe più felice in questo momento? Dopo un po' di dubbi, ho risposto: Una cioccolata calda. Certo, sapevo che non c'era assolutamente alcuna possibilità di prendere una cioccolata calda da nessuna parte nei prossimi giorni perché non ne avevamo portata, ma si può sognare, giusto? Siamo stati abbastanza fortunati con un buon vento da dietro che ci ha portati su alcune "strade" migliori. Finalmente potevamo fare qualche chilometro sulla nera sabbia lavica. Ma quando ci siamo avvicinati al più grande ghiacciaio dell'isola: Vatnajokull, le piste sono diventate di nuovo molto più accidentate. Ciò significava che stavamo salendo e quindi stava diventando più freddo. E c'è stato il peggio: all'improvviso, la sabbia nera della lava si è trasformata in una grande area rocciosa che non aveva alcun percorso visibile. Ma il percorso andava proprio di fronte a noi. È diventato più ripido di circa 10 gradi e dovevamo ancora salire almeno un paio di centinaia di metri di dislivello, fino al ghiacciaio. Questa parte era davvero surreale e pesante allo stesso tempo.

Iceland Ride Beyond Crew
Ride Beyond Crew in Iceland
Ride Beyond Crew in Iceland
 

Sapevamo che entro un tempo prevedibile ci sarebbe stata di nuovo un'altro rifugio di emergenza. Suonava molto bene dato che stava diventando più freddo ed eravamo già abbastanza stanchi. L'unica cosa era che il tempo prevedibile, si è rivelato non molto prevedibile perché Jelmer ha forato la sua gomma in un luogo molto ventoso e freddo e la riparazione non ha funzionato affatto. Dopo quelli che sembravano secoli, lottando per chiudere la foratura e riportare un po' d'aria nella gomma, è diventato davvero piuttosto pericoloso. Faceva molto molto freddo perché eravamo ancora lì in piedi sotto la pioggia e niente ha funzionato per riparare la foratura. Dopo un po' abbiamo deciso che era meglio che Roel, Mike ed io tornassimo sulle nostre bici per non andare in ipotermia e cercare il rifugio. Mentre Martijn e Jelmer sono rimasti a riparare la bici...

Alla fine sono riusciti a ripararla (eroi!) e hanno percorso gli ultimi chilometri fino al rifugio. Quando siamo arrivati tutti lì, abbiamo visto che c'erano già persone all'interno. Eravamo così felici perché significava che era già stato riscaldato! I due uomini islandesi che erano nella capanna erano in realtà piuttosto scioccati quando siamo arrivati a causa del nostro aspetto infreddoliti e stanchi (hanno persino scritto qualcosa in islandese a riguardo nel libro degli ospiti della capanna di emergenza ahah). E poi è successo qualcosa di magico: ci hanno offerto una cioccolata calda!!! Quindi, dopo quello che prima abbiamo chiamato un incubo, i sogni sono diventati realtà :).

 

Qual è la cosa che meno desidereresti quando hai già freddo? Spogliarsi e attraversa fiumi, ovvio!

Dopo un'altra notte in un rifugio caldo e accogliente con i boscaioli islandesi (non c'è legname da segare in Islanda, ma almeno sembrava che fosse quello che stavano facendo durante la notte), eravamo in qualche modo pronti per il decollo. La giornata è iniziata grigia e piovosa e dopo essere saliti sul bordo del ghiacciaio nei primi chilometri, abbiamo incontrato anche la nostra prima traversata del fiume glaciale. Dato che eravamo ancora così vicini al ghiacciaio, puoi probabilmente immaginare quanto facesse freddo...
E questo è stato solo l'inizio di molti attraversamenti fluviali che abbiamo dovuto affrontare oggi. Ogni volta: togliamoci le scarpe e gli scaldamuscoli e cerchiamo di andare dall'altra parte del fiume il più velocemente, al sicuro, all'asciutto e al caldo possibile. Alcuni erano più facili di altri. In alcuni il flusso d'acqua era piuttosto forte. Semplicemente aiutandoci a vicenda (questo è un grande momento di ringraziamento da parte mia ai ragazzi!), siamo riusciti ad arrivare dall'altra parte ogni volta.

 

Tra gli attraversamenti del fiume, la ghiaia di tanto in tanto diventava più amichevole. Verso le 19:00 ci siamo imbattuti in un rifugio davvero grande e c'erano davvero persone!! E c'era il cibo! E bevande! La signora islandese sembrava piuttosto sorpresa quando più o meno abbiamo comprato tutti gli snack che avevano e abbiamo apprezzato molto le patatine e il cioccolato. Mentre mangiavamo, discutevamo se dovevamo rimanere in questo rifugio per la notte o se avremmo dovuto provare a pedalare per qualche ora in più. In Islanda il sole tramonta molto tardi in estate, quindi questo è stato davvero un vantaggio per noi.
Poiché eravamo in ritardo con il nostro programma, siamo tornati sulle bici. Quando erano circa le 22:30, abbiamo trovato un posto in piano e abbiamo deciso di fermarci lì. Non appena abbiamo iniziato a montare le tende, il vento è diventato sempre più forte e sapevamo che sarebbe stata una notte lunghissima. Il vento era così forte e le tende leggere così svolazzanti, che la maggior parte di noi ha dormito a malapena per poche ore. Non è un ottimo inizio per una nuova giornata in bicicletta.

 
"Quando ti perdi in Islanda, devi solo alzarti e troverai la strada"
 

Poiché abbiamo avuto tutti una notte piuttosto dura, ci siamo svegliati presto e sapevamo che era meglio iniziare a pedalare il prima possibile. Questo giorno è stato in realtà il giorno in cui ci saremmo "incontrati" di nuovo sull'asfalto. Ma prima di quel momento magico, dovevamo fare molti chilometri. La superficie era piuttosto sconnessa e accidentata, e quando si è abbastanza stanchi dopo alcuni giorni difficili, a volte è difficile concentrarsi sull'ambiente circostante. Ma lo scenario è diventato più verde e pieno di vita e anche la temperatura è aumentata, alleluia! E poi, all'improvviso, dopo un po' di salita, abbiamo visto l'asfalto tanto atteso. L'emozione era reale!

Dopo alcuni chilometri su un asfalto molto liscio, Jelmer ha gridato all'improvviso: "Un albero!" Ha vinto la nostra piccola sfida e questo è stato in realtà il ritorno alla civiltà. Poco dopo siamo passati davanti a un ristorante e ovviamente ci siamo dovuti fermare per gustare degli hamburger dopo giorni di solo cibo secco. Avevano anche servizi igienici, veri servizi igienici! Abbiamo dato un'occhiata ai nostri telefoni e abbiamo trovato un posto con veri letti dove stare. Abbiamo dovuto percorrere solo 50 km sull'asfalto, anche con un forte vento a favore, prima di andare alle docce e, naturalmente, ordinare un sacco di cibo (di nuovo hamburger!). Meritato, se me lo chiedi!"

 
Reykjavik
Reykjavik è proprio di fronte a noi

La spinta finale! Dopo 4 giorni in bici, avevamo solo un giorno per finire la nostra avventura a Reykjavik. Eravamo ancora un po' indietro sul nostro programma giornaliero di 130 km, ma dato che sarebbe stato solo su asfalto eravamo fiduciosi di farcela! Dopo i primi 40 chilometri, abbiamo superato uno dei punti salienti e più turistici dell'Islanda: i geyser! Ci siamo fermati a vedere questo strano fenomeno vulcanico. Seguendo questo folle trucco di Madre Natura, abbiamo pranzato con una pizza unta (con banana?!) e ci siamo preparati per gli ultimi 100 chilometri.

La strada era facile da percorrere, ma abbiamo affrontato MOLTO vento contrario e alcune salite follemente ripide. Quindi, sfortunatamente, il ritmo è stato molto più lento di quanto sperassimo. Tuttavia, chilometro dopo chilometro, Reykjavik si è avvicinata. Siamo arrivati a un punto di totale esaurimento. Questo è stato il giorno in cui abbiamo parlato meno tra noi e ci siamo goduti tutti la nostra musica e i nostri podcast per alcune ore. Verso le 20:00 siamo finalmente arrivati a Reykjavik! Durante la cena ha iniziato ad affiorare: Santa madre, ce l'abbiamo fatta!! Ci siamo trattati con un hotel eccellente e abbiamo dormito come ghiri!

 
"QUESTA PAZZA AVVENTURA E' STATA DAVVERO COME LE MONTAGNE RUSSE E SICURAMENTE TUTTI NOI DOVEVAMO PASSARCI ATTRAVERSO" Jasmijn van der Zwaan
RBC in Iceland
RBC FOCUS BIKES