News da Anja Kallenbach. Sfidando i capricci del tempo, durante l'estate è ripartita in sella alla sua CAYO. In Svizzera ha scalato i passi più leggendari. Una girandola di emozioni – tradotte per noi in immagini.

Quest'anno il tempo purtroppo non è per nulla clemente con gli amanti della montagna, ma nel fine settimana sono previsti solo alcuni acquazzoni e temperature piuttosto calde. Io e la mia Cayo vogliamo assolutamente tornare sulle Alpi! Oggi, con una lunghezza totale di 160 km e un dislivello di 5096 metri, sarà uno dei giorni più lunghi dell'anno. Voglio infatti unire in un unico tour i passi più noti della Svizzera: Susten, Grimsel, Novena e Gottardo.

Image
Image

La mia giornata comincia a Wassen, vicino all'autostrada e quindi facile da raggiungere in macchina. Si inizia subito con il Susten, il sole splende, brevi gallerie si alternano a verdi prati. Dalla bici ammiro i miei animali preferiti, le marmotte. Che partenza meravigliosa!

PARETI DI NEVE COME FRIGORIFERI

Più avanti, incontro imponenti pareti di neve alte fino a tre metri. È come stare in un frigorifero e, seppur in arrampicata, non si arriva mai propriamente a sudare. I passi svizzeri si snodano su strade larghissime, e così gioisco in anticipo per la discesa, arte nella quale la CAYO mette perfettamente a frutto le sue doti da discesista. I freni a disco mi consentono di fermarmi sempre al momento giusto. La discesa non è in realtà molto ripida, ciononostante riesco a raggiungere e superare i 90 km/h, sul viso un ghigno che sembra non volersene andare.

Lungo 26 km e con un dislivello di oltre 1500 metri, il Grimsel è un passo abbastanza esteso. Gli ultimi chilometri ripagano però con uno splendido panorama costellato di laghetti alpini! Si alza lentamente un vento freddo che, in vista della discesa, mi costringe a prendere rapidamente una giacca dall'auto. Scendendo riesco a vedere il Passo della Furka, oggi però purtroppo non è sul mio itinerario.

IL TEMPORALE SI AVVICINA

Al Novena, inizio a correre piuttosto veloce contro i nuvoloni neri di un fronte temporalesco in arrivo. Con pendenze superiori al 10 %, salire non è facile, ma vinco la gara con un vantaggio minimo e posso iniziare asciutta la discesa.

Image
Image

Ad Airolo devo stare attenta, non voglio per nessuna ragione al mondo prendere la nuova strada del Gottardo, troppo simile a un'autostrada. Il mio obiettivo è la famosa Tremola, un'antica strada di acciottolato che si inerpica a serpentina su per la montagna per quasi 10 km. Che strada! Stavolta è però molto meno sconnessa di come me la ricordavo. Posso solo consigliarvi delle gomme da 28 mm.

Sto per perdere la corsa contro il temporale. Si avvicina una terribile tempesta e fatico a farmi strada contro il vento. La lunga giornata e l'improvviso abbassamento della temperatura hanno assai logorato le mie forze. Come previsto, comincia a diluviare e la pioggia cade come una fitta cortina. Devo prestare molta attenzione al fondo scivoloso. Verso gli ultimi chilometri penetro nelle nuvole e non riesco quasi a riconoscere la strada. Usando davvero le ultime forze che ho in corpo, raggiungo il monumento ornato di aquile.

Purtroppo non ho luci sulla bici e quindi decido di cancellare la discesa finale. Continuare quando le auto non ti vedono nella nebbia e riesci a malapena a vedere la strada sarebbe troppo pericoloso. Peccato davvero, perché la discesa è molto veloce e sulla carreggiata larga avrei potuto lasciarmi andare. Indosso tutti i vestiti che ho portato con me e salgo in auto. Sono ancora talmente congelata che continuo a battere i denti per un'altra mezz'ora. Nonostante ciò sono strafelice, che giornata indimenticabile! Forse i passi svizzeri non saranno così noti come quelli francesi perché il Tour non passa mai di qui, ma non foss'altro che per gli spettacolari scorci panoramici valgono certamente una visita!

Image
Image

A presto sulle Dolomiti!

Per domande sugli allenamenti, sulle bici, sugli itinerari o altro, visitate il mio sito oppure venite a trovarmi su:

Facebook

Instagram

Twitter

ANJA KALLENBACH
ha utilizzato la Cayo

Image
social share