Heat feast
Heat feast

Perché no? Nel più caldo giorno dell’anno prenderemo parte all’evento ciclistico amatoriale sulle Alpi della Svevia in Germania. Certo, partecipiamo sulla distanza più lunga. Più di 300 km e più di 6000 m di dislivello. Siamo in tre e abbiamo pensato in grande. Perché no?

Alb-Extrem 2019
Alb-Extrem
Alb-Extrem Alb-Extrem

Arriviamo la sera prima, ceniamo in tenda e dormiamo sotto le stelle. Certo, abbiamo portato solo i sacchi a pelo leggeri, è estate. Di notte congeliamo. La notte sulle Alpi della Svevia è fredda e umida, che sorpresa. Anche nel giorno più caldo dell’anno. Sperimenteremo l’esatto opposto il giorno successivo. Alle 4.15 del mattino suona la sveglia.

Fino a 47 °C

323 km e 6117 m di dislivello

 
CLP-STR

Pedaliamo allegramente su una collina. Ci scherziamo perfino su. 30 minuti più tardi il nostro mood è completamente cambiato. Abbiamo preso una curva sbagliata. Abbiamo una vaga premonizione che questa piccola deviazione di soli 15 km ci costerà molto caro.

Non smettere mai di pedalare

alb-extrem
alb-extrem
alb-extrem
alb-extrem
alb-extrem

Nel frattempo la temperatura sta salendo velocemente e la maggior parte delle salite sono completamente esposte al sole. Il bike-computer segna 47 °C. Fornire energia ai nostri corpi esausti è la nostra principale priorità. Beviamo una borraccia ogni ora sempre arricchita con degli integratori. L’acqua da sola non svolgerebbe la stessa funzione di rifornirci dei sali minerali persi. I nostri corpi chiedono di inserire energia, il nostro stomaco si contorce. Uno di molla. Il caldo è troppo. Una saggia decisione.

 
 

Mancano solo 70 km al traguardo quando lo perdiamo. Smettiamo di credere che riusciremo a raggiungere la fine. Decidiamo di pedalare almeno fino al prossimo ristoro, ancora 18 km. Ci arriviamo, mollare non è più un’opzione valida. 50 km non sono molti, ma con 4 o 5 colline di mezzo sembrano un’impresa irrealizzabile. In ogni caso, continuiamo la nostra gara. Ricadiamo nell’essere stoici. Non siamo eroi, siamo solo testardi. Troppo testardi per mollare. Dopo aver tagliato il traguardo cadiamo a terra e non siamo in grado di muovere un dito per i 30 minuti successivi. Ci rialziamo fieri. Le nostre anime si sono risvegliate e lentamente riprendiamo a camminare. Non lo faremo mai più. Davvero?

 
 

BEAT YOUR SCREEN TIME: 06.06. - 03.07.2022